L’INFIAMMAZIONE DI TIPO 2 NELL’ASMA GRAVE

L’infiammazione di tipo 2 è alla base dell’insorgenza dei sintomi dell’asma grave non controllata ed è caratterizzata dal rilascio da parte delle cellule del sistema immunitario innato (ILC2) e adattativo (T helper 2) delle citochine IL4, IL-13 e IL-5.1,2

Il documento GINA 2019 descrive che nel 50-70% delle persone affette da asma grave si osserva un'infiammazione di Tipo 2.3,4

L’INFIAMMAZIONE DI TIPO 2 È GUIDATA DAL SISTEMA IMMUNITARIO SIA INNATO CHE ADATTATIVO2

ADATTIVO5-7

INNATO5-7

CELLULE CHIAVE NELL'INFIAMMAZIONE DI TIPO 2

MEDIATORI NELL'INFIAMMAZIONE DI TIPO 2

*Th0 = cellula T helper follicolare non differenziata

I MECCANISMI MOLECOLARI DELL’ASMA DI TIPO 2: IL-4 E IL-13 GIOCANO UN RUOLO CENTRALE1-7

FeNO

IL-4 e IL-13, attraverso l’attivazione di iNOS, aumentano la produzione di ossido nitrico dall’epitelio bronchiale (rilevato come FeNO) nell’infiammazione di Tipo 2.2

Elaborato da testo rif.3

Elevati livelli di FeNO

Durante l’infiammazione, l’IL-4 e IL-13 causano una sovraregolazione di iNOS (sintetasi inducibile dell’ossido nitrico) e un conseguente aumento di produzione e rilascio di NO (ossido nitrico) dalle cellule epiteliali.2

NO è un agente pro-infiammatorio e gioca un ruolo centrale nella modulazione della risposta infiammatoria. Tra i suoi effetti pro-infiammatori rientrano: aumento della permeabilità vascolare, vasodilatazione e danno tissutale ed endoteliale.
NO prodotto da iNOS in grandi quantità può essere tossico.4

Eosinofili

IIL-4 e IL-13 permettono la migrazione degli eosinofili circolanti dal sangue ai tessuti polmonari. IL-5 promuove nel midollo osseo maturazione e l’attivazione degli eosinofili circolanti.5

Elaborato da testo rif 5-7

Elevati livelli di eosinofili nel sangue e nei polmoni

IL-5 promuove la differenziazione che avviene nel midollo osseo e l’attivazione degli eosinofili circolanti nel sangue.5

IL-4 e IL-13 favoriscono la migrazione degli eosinofili circolanti nel sangue del tessuto polmonare attraverso le chemochine eotassina-3 e la molecola di adesione VCAM.5,7,8

IgE

IL-4 e IL-13 inducono la produzione di IgE.5

Elaborato da testo e fig 2A rif 5

Elevati livelli di IgE

IL-4 e IL-13 guidano la conversione della classe Ig isotipica degli anticorpi IgM o IgG verso IgE a livello dei linfociti B.5

Il documento GINA 2019 raccomanda di aggiungere un farmaco biologico target per l’infiammazione di Tipo 2 nei pazienti con asma grave non controllata da alte dosi di ICS/LABA con o senza uso quotidiano di cortico-steroidi orali (OCS).9

LE INTERLEUCHINE IL-4 E IL-13 HANNO UN RUOLO CENTRALE NELL’INFIAMMAZIONE DI TIPO 2 NELL’ASMA CHE È ATTIVATA A MONTE DA IL-41

Elaborato da figura 1 di 2

L’infiammazione di Tipo 2 è caratterizzata dall’espressione contemporanea di più marcatori1

Azione delle interleuchine nell'asma grave con infiammazione di tipo 2.

Verso il futuro dell'asma, insieme

#TheNextBreath

MAT-IT-2000577